CorrieredelWeb.it Arredo&Design Arte&Cultura Cinema&Teatro Eco-Sostenibilità Editoria Fiere&Sagre Formazione&Lavoro Fotografia


IltuoComunicatoStampa ICTechnology Marketing&Comunicazione MilanoNotizie Mostre Musica Normativa TuttoDonna Salute Turismo




Ultime news sul mondo della Fotografia

Cerca nel blog

mercoledì 25 aprile 2018

NIKON vince ancora ai Red Dot Awards con la D850 e la D7500

Nikon ha il piacere di annunciare che le reflex D850D7500 sono state premiate ai "Red Dot Awards: Product Design 2018", uno dei più prestigiosi premi del design mondiale sponsorizzato dal Design Zentrum Nordrhein Westfalen tedesco, una delle istituzioni più autorevoli e conosciute in merito.

La giuria ha premiato la Nikon D850 per l'incredibile combinazione di risoluzionevelocità e sensibilitàalla luce

Il suo design ergonomico e il corpo macchina robusto insieme a caratteristiche all'avanguardifatto di questa reflex la scelta ideale per i fotografi professionisti.

 

 

Il "Red Dot Award: Product Design 2018" è stato assegnato anche allNikon D7500, reflex chepresenta la stessa impressionante qualità di immagine dell'acclamata D500 in un corpo compatto e leggero. 

Il sensore da 20,9 milioni di pixel, il processore di elaborazione EXPEED 5 e l'ampia gamma ISO offrono immagini nitide e ad alta definizione, mentre la possibilità di registrare video 4K/UHD soddisfa le necessità dei più esigenti.

Il "Red Dot Award: Product Design" è un premio di altissimo livello nato nel 1955; viene assegnato ai prodotti presentati negli ultimi due anni che sono valutati superiori per aspetti come innovazionefunzionalità robustezza

Quest'anno la giuria ha valutato oltre 6.300 candidature provenienti da 59paesi. I prodotti vincitori saranno esposti in una mostra che si terrà dal 10 luglio al 5 agosto 201presso il Red Dot Design Museum di Essen, in Germania.



--
www.CorrieredelWeb.it

Gli scatti del Calendario Epson 2018 in mostra a Photofestival


A PhotoFestival 2018
Terre di Passo: il Calendario Epson 2018
firmato da Cristina Omenetto

Milano, aprile 2018 - A Photofestival, la kermesse annuale dedicata alla fotografia d'autore promossa da AIF - Associazione Italiana Foto & Digital Imaging, Epson sarà presente con Terre di Passo, il suo Calendario 2018 firmato da Cristina Omenetto.

Durante la mostra, che si terrà a Milano presso il Palazzo Castiglioni dal 4 al 18 giugno, saranno esposti i dodici scatti che compongono l'edizione del Calendario Epson 2018 e che offrono una lettura del tutto originale del paesaggio. Lontane da un'intenzione descrittiva, infatti, le fotografie di natura, acqua, ghiaccio, siti archeologici e monumentali sono improvvise ed effimere, indefinite e inafferrabili, rappresentando i continui movimenti dello sguardo, i pensieri e gli stati d'animo dell'artista.
Tradizione ormai consolidata, dal 2000, ogni anno Epson celebra la propria eccellenza nella stampa fotografica con un Calendario firmato dai più illustri nomi della fotografia italiana, di fama internazionale. Rilegato con un processo interamente artigianale e realizzato in copie numerate, Il Calendario è composto da fotografie originali, prodotte con stampanti, carte e inchiostri Epson, quindi incollate manualmente una alla volta.

"Queste fotografie - racconta Cristina Omenetto - mi hanno portato a riflettere sul nomadismo visivo. Mi è venuta subito alla mente la migrazione. In particolar modo quella degli uccelli, che nel loro spostarsi da un luogo ad un altro si posano qua e là per raccogliere le forze prima di ripartire per la meta finale. In tutto questo spostarsi e fermarsi vedono cose che li colpiscono e se ne ricordano, ne fanno tesoro."
"Con le sue fotografie - afferma Massimo Pizzocri, amministratore delegato di Epson Italia - Cristina dà una lettura davvero originale del paesaggio. Ci regala il suo sguardo e ci permette di vedere insieme a lei, con la sua stessa emozione, i luoghi che ha visitato. La sua sensibilità d'artista ci ha proposto degli scatti che gratificano la vista per la loro bellezza e che per noi hanno rappresentato un'ulteriore sfida tecnica: rendere con precisione le sfumature e l'evanescenza dei soggetti con passaggi di colore morbidi, fluidi ed equilibrati."

Cristina Regina Omenetto, la fotografia come indagine e ricerca.
Nasce a Milano, dove vive e lavora. Si avvicina alla fotografia negli anni Ottanta, dopo numerose esperienze di studio e di lavoro in Italia, a Londra e in California, orientando il suo lavoro verso il campo dell'indagine sociale, del ritratto, del paesaggio e della ricerca. Da tempo sperimenta e pubblica lavori sul paesaggio utilizzando una tecnica personale di ripresa, dove frammenti dello spazio e del tempo si sovrappongono e si sommano in sequenze che vanno oltre la consueta staticità della rappresentazione.
Ha esposto i suoi lavori sia in Italia sia all'estero e sue opere fanno parte di collezioni pubbliche e private internazionali.

Gruppo Epson
Epson è leader mondiale nell'innovazione con soluzioni pensate per connettere persone, cose e informazioni con tecnologie proprietarie che garantiscono efficienza, affidabilità e precisione. Con una gamma di prodotti che comprende stampanti inkjet, sistemi di stampa digitale, videoproiettori 3LCD, così come robot industriali, visori e sensori, Epson ha come obiettivo primario promuovere l'innovazione e superare le aspettative dei clienti in settori, quali stampa inkjet, comunicazione visiva, tecnologia indossabile e robotica.
Con capogruppo Seiko Epson Corporation che ha sede in Giappone, il Gruppo Epson conta oltre 80.000 dipendenti in 86 nazioni ed è orgoglioso di contribuire alla salvaguardia dell'ambiente naturale globale e di sostenere le comunità locali nelle quali opera.

Epson Europe
Epson Europe B.V., con sede ad Amsterdam, è il quartier generale regionale del Gruppo per Europa, Medio Oriente, Russia e Africa. Con una forza lavoro di 1.750 dipendenti, le vendite di Epson Europa, per l'anno fiscale 2016, hanno raggiunto i 1.668 milioni di euro. 

Epson Italia
Epson Italia - Epson Italia, sales company nazionale, per l'anno fiscale 2016 ha registrato un fatturato di oltre 221 milioni di Euro e impiega circa 190 persone. 



--
www.CorrieredelWeb.it

martedì 17 aprile 2018

"Dreamers. 1968: come eravamo, come saremo" Grande mostra al Museo di Roma in Trastevere dal 5 maggio al 2 settembre 2018


Image
Image
Image

 

Museo di Roma in Trastevere

5 maggio – 2 settembre 2018

#dreamers68

 

Roma, 16 aprile 2018 - Il 16 aprile alle ore 12.00 nella Sala Conferenze dell'Associazione della Stampa Estera in Italia, Luca Bergamo, Vicesindaco e Assessore alla Crescita culturale di Roma Capitale, Laura Baldassarre, Assessora alla Persona, Scuola e Comunità solidale di Roma Capitale, Valeria Fedeli, Ministra dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca, Maria Pia Ammirati, Direttrice Rai Teche, Giuseppe De Rita, Presidente Censis, Vincenzo Vita, Presidente AAMOD-Archivio Audiovisivo del Movimento Operaio e Democratico, Massimo Bray, Direttore Generale Treccani e Riccardo Luna, Direttore AGI Agenzia Italia, hanno presentato in conferenza stampa la grande mostra fotografica e multimediale "Dreamers. 1968: come eravamo, come saremo" insieme a Massimo Sebastiani, Capo Redattore Centrale e Responsabile dell'Area Immagini ANSA, Vittorio Alvino, Presidente Openpolis, Olivier Baube, Direttore AFP Italia, Gaetano Blandini, Direttore Generale SIAE, Andrea Dezzi, Confondatore Marcello Geppetti Media Company, Claudio Granata, Chief Services and Stakeholder Relation Officer di Eni, Maurizio Riccardi, Direttore Archivio Riccardi, Francesca Sanzone, Vice Direttore Generale FIGC, Carlotta Valitutti, Speaker VoiceBookRadio.

 

In occasione del 50° anniversario del 1968, AGI Agenzia Italia ricostruisce l'archivio storico di quell'anno, recuperando il patrimonio di tutte le storiche agenzie italiane e internazionali, organizzando questa affascinante mostra fotografica e multimediale che sarà allestita al Museo di Roma in Trastevere dal 5 maggio al 2 settembre 2018.

 

La mostra a cura di AGI Agenzia Italia, promossa da Roma Capitale, Assessorato alla Crescita culturale-Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali e con il patrocinio del MIUR – Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca è resa possibile dalle numerose fotografie provenienti dall'archivio storico di AGI e completata con gli altrettanto numerosi prestiti messi a disposizione da AAMOD-Archivio Audiovisivo del Movimento Operaio e Democratico, AFP Agence France-Presse, AGF Agenzia Giornalistica Fotografica, ANSA, AP Associated Press, Marcello Geppetti Media Company, Archivio Riccardi, Contrasto, Archivio Storico della Biennale di Venezia, LUZ, Associazione Archivio Storico Olivetti, RAI-RAI TECHE, Corriere della Sera, Il Messaggero, La Stampa, l'Espresso. I servizi museali sono di Zètema Progetto Cultura.

 

L'iniziativa nasce da un'idea di Riccardo Luna, direttore AGI e curata a quattro mani con Marco Pratellesi, condirettore dell'agenzia, e intende delineare un vero e proprio percorso nell'Italia del periodo: un racconto per immagini e video del Paese di quegli anni per rivivere, ricordare e ristudiare quella storia. Come scrive Riccardo Luna nel testo del catalogo dell'esposizione: "Questa non è una mostra sul passato ma sul futuro. Sul futuro che sognava l'ultima generazione che non ha avuto paura di cambiare tutto per rendere il mondo migliore. Che si è emozionata e mobilitata per guerre lontane; che ha sentito come proprie ingiustizie subite da altri; che ha fatto errori, certo, ha sbagliato, si è illusa, è caduta, ma ha creduto, o meglio, ha capito che la vera felicità non può essere solo un fatto individuale ma collettivo, perché se il tuo vicino soffre non puoi non soffrire anche tu. Nessuno si salva da solo.

Quello che ci ha colpito costruendo questa mostra, sfogliando le migliaia di foto che decine di agenzie e archivi ci hanno messo a disposizione con una generosità davvero stupefacente, come se tutti sentissero il dovere di contribuire alla ricostruzione di una storia che riguarda i nostri figli molto più che i nostri genitori; quello che ci ha colpito sono gli sguardi dei protagonisti, l'energia dei loro gesti, le parole nuove che usavano".

 

Da qui, AGI ha ricreato un archivio storico quanto più completo del '68 attraverso le immagini simbolo dell'epoca. Non solo occupazioni e studenti, ma anche e soprattutto la dolce vita, la vittoria dei campionati europei di calcio e le altre imprese sportive, il cinema, la vita quotidiana, la musica, la tecnologia e la moda.

 

Un viaggio nel tempo fra 178 immagini, tra le quali più di 60 inedite; 19 archivi setacciati in Italia e all'estero; 15 filmati originali che ricostruiscono più di 210 minuti della nostra storia di cui 12 minuti inediti; 40 prime pagine di quotidiani e riviste riprese dalle più importanti testate nazionali; e inoltre una ricercata selezione di memorabilia: un juke boxe, un ciclostile, una macchina da scrivere Valentine, la Coppa originale vinta dalla Nazionale italiana ai Campionati Europei, la maglia della nazionale italiana indossata da Tarcisio Burgnich durante la finale con la Jugoslavia, la fiaccola delle Olimpiadi di Città del Messico.

 

Tutti questi temi verranno raccontati attraverso la cronaca, gli usi, i costumi e le tradizioni in diverse sezioni tematiche, dando vita e facendo immergere il pubblico in questo lungo e intenso racconto nell'Italia del '68.

 

Ad accogliere i visitatori ci saranno i grandi "sognatori del futuro"; attraverso le figure e le parole di Martin Luther King e Bob Kennedy il pubblico sarà guidato all'interno della cronaca internazionale del '68: dalla guerra del Vietnam alla segregazione razziale negli USA, dalla presidenza di Nixon alla fine della Primavera di Praga, dalla Grecia dei colonnelli al maggio francese, si ripercorreranno alcuni degli eventi che hanno influenzato e cambiato le sorti della storia del mondo.


Image

DREAMERS 1968, AP/ANSA Il reverendo Ralph Abernathly a destra e il vescovo Julian Smith a sinistra con Martin Luther King durante una marcia per i diritti civili a Memphis, 28 marzo

Image

DREAMERS 1968, AP/ANSA, Un sospetto Viet Cong viene giustiziato per strada da Nguyen Ngoc Loan capo della Polizia Nazionale vietnamita a Saigon, 1 febbraio

Image

DREAMERS 1968, CAMERA PRESS/CONTRASTO, soldati sovietici cercano di conquistare la sede della radio cecoslovacca, 21 agosto

Le occupazioni, le contestazioni e le rivolte studentesche saranno invece i temi affrontati nella sala "Il movimento fra occupazioni e tazebao - Valle Giulia"; in particolare saranno ripercorsi i tragici scontri tra studenti e forze dell'ordine avvenuti nella famosa "Battaglia di Valle Giulia" (Roma, 1 marzo 1968) e sarà, inoltre, riportato un ciclostile originale dell'epoca, per rievocare i momenti della ribellione per mezzo della stampa di volantini e giornaletti universitari. Figura chiave dei movimenti del '68 che viene messa in evidenza in questa sezione è Pier Paolo Pasolini con il testo "Vi odio cari studenti" e la poesia "Il PCI ai giovani".

Image

DREAMERS 1968, CARLO RICCARDI ARCHIVIO RICCARDI, Disordini durante la battaglia di Valle Giulia, 1 marzo

Image

DREAMERS 1968, MARCELLO GEPPETTI MEDIA COMPANY, Scontri all'università tra studenti e forze dell'ordine, 16 marzo

L'esposizione proseguirà nella sala "Le due Italie: dal Belice al Piper", nella quale saranno contrapposte le immagini delle "due Italie" che hanno, entrambe, cambiato il futuro del nostro Paese. Da un lato si vedrà l'Italia della gente comune e delle famiglie, con uno sguardo particolare al violento terremoto che colpì la Valle del Belice nella Sicilia Occidentale. Si racconterà il Piper Club di Roma, punto d'incontro di alcune famose celebrities nazionali e internazionali come l'attore Sean Connery, il cantante Adriano Celentano, il regista Federico Fellini, l'attore Alberto Sordi, l'attrice Anna Magnani, il cantante Massimo Ranieri, il regista e attore Vittorio Gassman, il cantante Domenico Modugno.

Image

DREAMERS 1968, ADRIANO MORDENTI AGF, Il terremoto del Belice macerie delle case distrutte, 20 gennaio

Image

DREAMERS 1968, AGI, Conferenza stampa Adriano Celentano per il film "Serafino" con la moglie Claudia Mori, 1 ottobre

Image

DREAMERS 1968, AGI, Riunione alla sede dell'Agis di attrici, attori, registi e produttori per la fondazione dell'accademia cinematografica, 1 novembre

Un'altra sezione sarà dedicata alla musica italiana e internazionale e alle grandi imprese sportive del '68, come ad esempio la vittoria ai Campionati Europei della Nazionale Italiana a Roma contro la Jugoslavia; in questa sezione il pubblico potrà ammirare dal vivo, grazie al supporto della FIGC – Federazione Italiano Giuoco Calcio, della Fondazione Museo del Calcio e del CONI – Comitato Olimpico Nazionale Italiano, la Coppa dei Campionati Europei, la maglia della nazionale italiana indossata da Tarcisio Burgnich e la Fiaccola delle Olimpiadi del 1968.

Image

DREAMERS 1968, GETTY IMAGES, Joan Baez canta durante una manifestazione contro la guerra a Central Park New York, 3 aprile

Image

DREAMERS 1968, AGI, Giacinto Facchetti capitano della Nazionale alza la coppa dei campionati europei vinti a Roma contro la Jugoslavia, 10 agosto

Proseguendo nel percorso, nel porticato del Museo, i visitatori saranno catapultati in un ambiente sonoro immersi nelle voci del 1968: dalle urla degli studenti nei cortei ai discorsi dei politici, i suoni e le parole dei personaggi di quell'epoca accompagneranno il pubblico alla riscoperta di quegli anni.

 

Anche l'innovazione tecnologica avrà il suo spazio all'interno della mostra. Sarà presente, infatti, una sezione dedicata al grande fermento tecnologico del 1968 che culminerà con lo sbarco sulla luna di Neil Armstrong del 1969. 

 

Al termine del percorso fotografico, all'interno dell'Auditorium del Museo, i visitatori potranno vivere una esperienza immersiva; sarà infatti riprodotto scenograficamente l'ambiente di un'aula universitaria occupata all'interno della quale il pubblico avrà la possibilità di visionare cinegiornali dell'epoca e documenti originali ceduti da AAMOOD e RAI – RAI TECHE.

Image

DREAMERS 1968, AFP, il leader studentesco francese Daniel Cohn Bendt e manifestanti tedeschi tengono una protesta al confine franco tedesco, 25 maggio

La mostra è inoltre arricchita da un vasto repertorio di memorabilia e materiale d'epoca, tra cui le prime pagine dei quotidiani e delle riviste, il famoso Jukebox, e alcune magliette autografate dei giocatori che hanno vinto l'Europeo.

 

L'esposizione proporrà inoltre un confronto tra la comunicazione giovanile del '68, fatta di tazebao, assemblee e giornaletti scolastici, e quella contemporanea caratterizzata dall'utilizzo dei social media, delle web radio e dei blog universitari: attraverso le immagini si racconterà come i giovani del '68 comunicavano con quegli strumenti; in quest'ambito saranno coinvolti direttamente realtà giovanili come il magazine universitario "Scomodo", Radioimmaginaria, il primo e unico network radiofonico in Europa creato, diretto e condotto da adolescenti, e VoiceBookRadio, webradio gestita interamente dagli studenti di varie scuole secondarie di Roma che sarà anche uno dei media partner della mostra.

 

Nell'ambito della mostra il pubblico stesso sarà coinvolto in prima persona attraverso un'attività social per condividere la foto preferita del '68, inviandola ad AGI utilizzando l'hashtag #ilmio68; le foto inviate saranno proiettate a turno su un monitor a fine mostra, nel quale si snoderà così un racconto parallelo, un mosaico di storie di quell'anno che crescerà nel corso dei mesi.

 

Oltre all'esposizione l'iniziativa prevede l'organizzazione di un ciclo di eventi e incontri estivi, che si svolgeranno nel Chiostro del Museo, dedicati ai principali momenti musicali, sportivi, politici, culturali e cinematografici che hanno caratterizzato l'Italia nel 1968 con l'obiettivo di coinvolgere un vasto pubblico e il maggior numero di scuole. Obiettivo primario dell'iniziativa è far sì che ciascuno studente, grazie soprattutto alla partecipazione diretta alle proiezioni cinematografiche, ai dibattiti sulla politica, ai concerti musicali nonché ad altre iniziative tematiche, possa conoscere e vivere più da vicino un anno e, soprattutto, un Paese sino ad oggi studiato solamente sui libri di storia.

 

Attraverso il MIUR – Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca verranno coinvolte direttamente le scuole medie e superiori con l'organizzazione di visite guidate mirate agli studenti.

 

L'evento, realizzato con il contributo di Intesa Sanpaolo, in collaborazione con SIAE- Società Italiana degli Autori ed Editori e in partnership con la RAI, Sky, la FIGC, la Fondazione Museo del Calcio, il CONI, l'AAMOD-Archivio Audiovisivo del Movimento Operaio Democratico, Open Polis e il CENSIS, si avvale della collaborazione scientifica ed editoriale dell'Istituto dell'Enciclopedia italiana "Treccani" con il quale verrà realizzato il catalogo dell'esposizione.

 

I media partner coinvolti sono Formiche, il Tascabile, magazine digitale di Treccani, Rai Teche, Scomodo, Radioimmaginaria e VoiceBookRadio.


Le immagini che vengono fornite a corredo del comunicato stampa devono riportare nella pubblicazione il titolo della mostra, i credits, e le didascalie complete.

 

Agi Agenzia Italia, è una delle principali news company italiane. Dal 1950 affianca con i suoi notiziari il mondo editoriale, istituzionale, economico ed industriale. Con 9 redazioni sul territorio italiano, una rete attiva di corrispondenti e partnership in oltre 50 paesi nelle principali aree strategiche mondiali e news prodotte in 4 lingue (italiano, inglese, cinese e arabo), 7 giorni su 7, Agi assicura la creazione di valore attraverso notizie, interviste, inchieste, factchecking con numeri e dati certificabili, dirette streaming e servizi video per dare ai giornalisti di radio, tv e giornali tutti gli strumenti per andare oltre gli slogan. Perché la veritàà conta. Dal factchecking all'arte dello storytelling, AgiFactory è la divisione di Agi dedicata al branded content che unisce contenuti di alta qualitàà, tecnologia e capacità di leggere i dati.

 

 

Ufficio Stampa

 

Tel. +39 3371458938; Centralino: +39 06.5199161
ufficio.stampa@agi.it

Sito internet: www.agi.it www.agifactory.it

 

Culturalia - Bologna, Vicolo Bolognetti 11

Tel. 051 6569105 Cell: 392-2527126

info@culturaliart.com - www.culturaliart.com

 

SCHEDA INFO

 

Titolo mostra: Dreamers. 1968: come eravamo, come saremo

Luogo: Museo di Roma in Trastevere, Piazza S. Egidio 1/b

Apertura al pubblico: 5 maggio – 2 settembre 2018

Conferenza stampa: 16 aprile ore 12.00 Sala Conferenze Associazione Stampa Estera

Orario: Da martedì a domenica ore 10.00 - 20.00

 

La biglietteria chiude un'ora prima

 

Giorni di chiusura: lunedì, 1 maggio

 

Biglietti:

 

Tariffe non residenti

Intero: € 6,00; Ridotto: € 5,00.

 

Tariffe residenti

Intero: € 5,00; Ridotto: € 4,00

 

Gratuito per le categorie previste dalla tariffazione vigente

Salvo integrazione se presente altra mostra

 

Promossa da: Roma Capitale, Assessorato alla Crescita culturale - Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali

 

A cura di: AGI Agenzia Italia

Con il patrocinio di: MIUR – Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca

Con il contributo di: Intesa Sampaolo

 

Info Mostra:

060608 (tutti i giorni ore 9:00 - 19:00), 


Servizi museali:  Zètema Progetto Cultura

 

SPONSOR SISTEMA MUSEI CIVICI      

 

Con il contributo tecnico di: Ferrovie dello Stato Italiane

 

Media Partner Mostra: Formiche, il Tascabile, Rai Teche, Scomodo, Radioimmaginaria e VoiceBookRadio







--
www.CorrieredelWeb.it

domenica 15 aprile 2018

NIKON COOLPIX W100: la compatta waterproof è ancora più divertente con lo zaino abbinato!

La Nikon Coolpix W100 da 13,2 MP è ultra-robusta semplice da utilizzare, è subacquea fino a 10 m ed è dotata della funzione Reticolo volto subacqueo, perrealizzare primi piani sott'acqua senza nemmeno doversi immergere. 

È resistente agli urti da un'altezza massima di 1,8 m, al freddo fino a -10°C e antipolvere

Riprende filmati in Full HDè possibile scegliere tra un menu per adulti ed uno per bambini e ha SnapBridge integrato, per condividere immediatamente i propri scatti.

Caratteristiche principali:
- Antipolvere, impermeabile fino a 10 m, resistente al freddo fino a -10°C e agli urti da un'altezza massima di 1,8 m

Sistema di connessione senza fili SnapBridge di Nikon, per una sincronizzazione e condivisione immediata sempre attiva

- Sensore CMOS da 13,2 MP

- Menu per adulti e bambini e impugnatura facilitata per i più piccoli

- Obiettivo zoom ottico NIKKOR 3x estendibile a Dynamic Fine Zoom 6x

- Filmati Full HD 1080p con audio stereo e sistema di stabilizzazione VR elettronica

- Reticolo volto subacqueo: rileva i visi e rilascia l'otturatore per scattare ritratti subacquei restando asciutti

- Disponibile nei colori blue, yellow, white e pink



--
www.CorrieredelWeb.it

mercoledì 4 aprile 2018

NIKON e Motomorphosis promuovono il concorso "La convivenza stradale”

LA CONVIVENZA STRADALE"

Al via il concorso fotografico promosso da Nikon Motomorphosis
 

Nikon e l'Associazione Culturale Motomorphosislanciano il concorso fotografico "La convivenza stradale", contest che coniuga la passione per la fotografia con l'arte e che punta a diffondere e sviluppare la cultura della sicurezza e del rispetto del prossimo in ambito stradale.

È rivolto a tutti colori che possiedono creatività, passione per la fotografia e voglia di dire la propria per migliorare la vita sulla strada di ogni cittadino; per partecipare è sufficiente presentare entro il 13maggio 2018 uno scatto fotografico dedicato a una visione personale del tema "convivenza stradale", vissuto che fa parte della vita di ogni cittadino. Al termine, una commissione composta da rappresentanti di Nikon, Motomorphosis, Forze dell'Ordine e Regione Lombardia sceglierà i 100 migliori scatti che diventeranno parte di una vera opera d'arte.

Gli scatti vincitori, insieme al brand Nikon, verranno infatti riprodotti dagli studenti di una prestigiosa scuola d'arte sulla celebre motosilhouette simbolo di Motomorphosis e sulla maquette di un casco. In questo modo si realizzerà ancora una volta il connubio tra arte e sicurezza stradale che è da sempre alla base dei progetti di Motomorphosis.Successivamente, la motosilhouette e il casco verranno acquistati da Nikon e il ricavato devoluto per sostenere i progetti dell'associazione.

"Siamo onorati di contribuire alla realizzazione di un progetto di questa portata che coinvolge principalmente i giovani. Quando la passione per la fotografia diventa tramite di valori e comportamenti corretti che educano al rispetto del prossimo, Nikon si schiera con gioia in prima linea", ha dichiarato Aldo Winkler, CEO di Nital Spa, distributore per l'Italia dei prodotti Nikon.

''Sono davvero orgoglioso di avere la possibilità di collaborare con un grande marchio come Nikon per sensibilizzare gli utenti della strada su un argomento così importante come il rispetto, perché quando si parla di convivenza stradale si parla proprio di questo, rispetto per il prossimo e per quello che ci circonda", ha detto Andrea C.C. Ducati Presidente di Motomorphosis.

 

 

Per partecipare al concorso è sufficiente inviare i propri elaborati all'indirizzo concorso@motomorphosis.it e prendere visione del regolamento completo disponibile sul sito.  



--
www.CorrieredelWeb.it

mercoledì 28 febbraio 2018

Fotografia: evento straordinario con Stefano Unterthiner

INCONTRO STRAORDINARIO CON STEFANO UNTERTHINER

PROMOSSO DA AFIP INTERNATIONAL
IN COLLABORAZIONE CON EPSON
ALLA TRIENNALE DI MILANO IL PROSSIMO 16 MARZO

 
Milano, 28 febbraio 2018
- È in programma per il prossimo 16 marzo presso La Triennale di Milano un appuntamento straordinario con Stefano Unterthiner, fotografo naturalista già vincitore di Wildlife Photographer of the Year, in conversazione con Emanuele Biggi, naturalista e co-conduttore di Geo su RaiTre, organizzato da AFIP International in collaborazione con Epson.

L'obiettivo di promozione della cultura e della comunicazione attraverso le arti visive e di capacità di lettura e interpretazioni delle immagini, da sempre caro ad AFIP International, si coniuga con questo incontro di "This is my truth", la campagna promossa da Epson e finalizzata a scoprire cosa si nasconde dietro ad una fotografia e al suo potere di mostrare la verità sul mondo che ci circonda. La fotografia dunque, come strumento di conoscenza e di indagine, in grado di raccontare una storia senza l'utilizzo delle parole.

Protagonista sarà Stefano Unterthiner, considerato uno dei fotografi naturalisti più accreditati a livello internazionale, che dibatterà insieme a Emanuele Biggi (naturalista, fotografo e conduttore di Geo) sull'essenza del compito del fotografo, ovvero "mostrare ciò che vede attraverso i suoi occhi, o meglio, quello che egli vuole che veda chi osserva la fotografia. Obiettivo di Unterthiner è avvicinare l'uomo alla natura, mostrandone la pura verità."

All'ingresso del Salone d'Onore, dove si terrà l'incontro, sarà allestita una mostra con una selezione di alcune delle foto che raccontano l'esperienza di fotografo naturalista di Unterthiner. La stampa delle foto, che, come afferma Unterthiner "è l'ultima fase del processo fotografico senza la quale la fotografia rimane incompiuta", è stata realizzata con tecnologia di stampa Epson, la stessa che Unterthiner utilizza nel suo laboratorio presso la Little Wild Gallery al Forte di Bard, in Valle d'Aosta.
La mostra potrà essere visitata a partire dalle ore 18.00.

Incontro con Stefano Unterthiner ed Emanuele Biggi
Salone d'Onore - Triennale di Milano (viale Alemagna 6)
Venerdì 16 marzo ore 19.00

Ingresso gratuito (fino esaurimento dei posti)

 

Stefano Unterthiner
Stefano Unterthiner è nato ad Aosta nel 1970. Dopo la laurea in Scienze Naturali ha ottenuto un dottorato di ricerca in zoologia. Il 2000 segna l'inizio della sua attività professionale come fotografo naturalista. Oggi Stefano è considerato uno dei fotografi internazionali di natura più originali e produttivi e i suoi lavori sono pubblicati regolarmente su riviste come National Geographic, Animan, GEO, BBC Wildlife, Terre Sauvage, Airone. "Le notti dell'orso" è il suo quinto libro fotografico. Stefano viaggia regolarmente per cercare nuovi soggetti per le sue storie fotografiche. È specializzato nel racconto della vita degli animali, cosa che lo porta a trascorrere lunghi periodi a stretto contatto con i suoi soggetti. È profondamente coinvolto nelle problematiche ambientali e nella conservazione della natura, con un particolare interesse per le relazioni uomo-natura. Dal marzo del 2007 è membro dell'ILCP (International League of Conservation Photographers). 


Emanuele Biggi
Emanuele Biggi è un naturalista genovese con un dottorato in Scienze Ambientali Marine. È fotografo di conservazione membro di International League of Conservation Photographers e comunicatore scientifico. Specializzato nello studio degli animali più insoliti e meno conosciuti, intraprende numerosi viaggi e spedizioni in tutto il mondo in cerca di soggetti e paesaggi da ritrarre per i suoi articoli. Si occupa di conservazione della natura e collabora con riviste di settore anche internazionali (BBC Wildlife Magazine, Rivista della Natura, Geo Magazine, Science Illustrated, Focus Wild e molti altri). Ha lavorato con il Festival della Scienza di Genova e con diverse trasmissioni televisive (attualmente conduce GEO su Rai Tre), è consulente scientifico di Parchi ed aree protette e ideatore e curatore di svariate mostre scientifiche. È stato insignito di numerosi riconoscimenti nell'ambito di concorsi prestigiosi come "Fotografo dell'anno" della BBC (Wildlife photographer of the year 2011) e il premio BigPicture organizzato dalla California Academy of Sciences di San Francisco nel 2014, è stato tra gli speaker al "Wildphotos", tenuto dalla Royal Geographical Society in collaborazione con la BBC e al "Wildscreen" festival di Bristol, organizzato da BBC e National Geographic. Nel 2016 ha ricoperto la carica di professore a contratto presso l'Università di Genova per un corso di Divulgazione Naturalistica.

 
AFIP International
AFIP International, Associazione Fotografi Italiani Professionisti, rappresenta i fotografi che esercitano in Italia la professione fotografica nell'ambito della pubblicità, della moda, dell'editoria, delle pubbliche relazioni, del ritratto, etc. con lo scopo di rinnovare e sostenere lo sviluppo e la tutela del mestiere, della committenza e del dialogo tra colleghi italiani e stranieri e riconoscendo nella cultura e nella sua promozione, il mezzo indispensabile per la formazione fotografica professionale.
Nata nel 1960, annovera tra i suoi primi associati Mario Dainesi, Gianni Della Valle, Luciano Ferri, Gian Greguoli, Edoardo Mari, Paolo Monti, Alfredo Pratelli, Italo Pozzi, Gian Sinigaglia, Fedele Toscani e Roberto Zabban.
Attualmente il direttivo è composto da Giovanni Gastel (presidente), Giuseppe Biancofiore (vicepresidente), Mario Donadoni (segretario), Sauro Sorana (tesoriere), Antonio Mecca (portavoce), Roberto Ghislandi (convenzioni), Marina Alessi, Pucci Balladore, Fernanda Bareggi, Maria Vittoria Backhaus, Silvia Bottino, Gianluca Cisternino, Franco Ceriani, Angelo Ferrillo, Piero Gemelli, Andrea Nannini, Efrem Raimondi.


 
Gruppo Epson
Epson è leader mondiale nell'innovazione con soluzioni pensate per connettere persone, cose e informazioni con tecnologie proprietarie che garantiscono efficienza, affidabilità e precisione. Con una gamma di prodotti che comprende stampanti inkjet, sistemi di stampa digitale, videoproiettori 3LCD, così come robot industriali, visori e sensori, Epson ha come obiettivo primario promuovere l'innovazione e superare le aspettative dei clienti in settori, quali stampa inkjet, comunicazione visiva, tecnologia indossabile e robotica.
Con capogruppo Seiko Epson Corporation che ha sede in Giappone, il Gruppo Epson conta oltre 80.000 dipendenti in 86 società nel mondo ed è orgoglioso di contribuire alla salvaguardia dell'ambiente naturale globale e di sostenere le comunità locali nelle quali opera.


Epson Europe
Epson Europe B.V., con sede ad Amsterdam, è il quartier generale regionale del Gruppo per Europa, Medio Oriente, Russia e Africa. Con una forza lavoro di 1.750 dipendenti, le vendite di Epson Europa, per l'anno fiscale 2016, hanno raggiunto i 1.668 milioni di euro.
http://www.epson.eu


Epson Italia
Epson Italia - Epson Italia, sales company nazionale, per l'anno fiscale 2016 ha registrato un fatturato di oltre 221 milioni di Euro e impiega circa 190 persone. 



--
www.CorrieredelWeb.it

Disclaimer

Protected by Copyscape


Il CorrieredelWeb.it è un periodico telematico nato sul finire dell’Anno Duemila su iniziativa di Andrea Pietrarota, sociologo della comunicazione, public reporter e giornalista pubblicista, insignito dell’onorificenza del titolo di Cavaliere al merito della Repubblica Italiana.

Il magazine non ha fini di lucro e i contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali Industrie dell'Editoria o dell'Intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Società dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che così divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete.

Da qui l’ambizione ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Il CorrieredelWeb.it oggi è un allegato della Testata Registrata AlternativaSostenibile.it iscritta al n. 1088 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce il 15/04/2011 (Direttore Responsabile: Andrea Pietrarota).

Tuttavia, non avendo una periodicità predefinita non è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 07/03/2001.

L’autore non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone, ma si riserva la facoltà di rimuovere prontamente contenuti protetti da copyright o ritenuti offensivi, lesivi o contrari al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive.

Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio.

Eventuali detentori di diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvederà all'immediata rimozione oppure alla citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Per contattare la redazione basta scrivere un messaggio nell'apposito modulo di contatto, posizionato in fondo a questa pagina.

Modulo di contatto

Nome

Email *

Messaggio *